Vedere, Condividere, Testimoniare

Sabato 11 novembre, una cinquantina di persone  della comunità parrocchiale sono andate a Camerino, una bellissima cittadina colma di storia e di cultura, devastata dal terremoto dell’ottobre 2016.

Siamo andati, in accordo con la pro loco locale, per VEDERE  non la loro sofferenza, né  il disagio del loro vivere quotidiano, né  lo  scempio che la natura in pochi istanti ha fatto delle loro case e dei loro splendidi monumenti.

Ma per  VEDERE  la  volontà e i mille sforzi con i quali i cittadini di Camerino vogliono dire a se stessi e a tutti noi che “Camerino non è morta”, ma ferita, profondamente ferita, ma VIVA.

Essi ci hanno accolto per CONDIVIDERE con noi questo loro sentimento di rinascita, che si nutre, giorno dopo giorno, anche di piccoli momenti di normalità come quelli vissuti insieme a noi nella giornata di sabato.

Il messaggio che ci hanno affidato è quello di TESTIMONIARE la loro volontà di risorgere.

Non chiedono soldi, ma di  parlare di loro affinché non siano dimenticati.