Una firma per l’Oratorio al Crocifisso

il numero di codice fiscale da scrivere nel riquadro della Dichiarazione dei Redditi insieme con la tua firma

c.f. 91079210406

Non scappare dalle persone che soffrono

NON SCAPPARE DALLE PERSONE CHE SOFFRONO

A volte ci avviciniamo a coloro che soffrono,
ma nei nostri cuori c’è una ribellione che acceca
e ci impedisce di vedere la luce di Gesù nella persona che soffre.

A volte possiamo utilizzare i poveri come oggetto della nostra carità
o della nostra competenza professionale
per affermare il nostro valore, per manifestare la nostra gloria.

Fratello mio, sorella mia,
queste poche righe vogliono dirti di non scappare dalle persone che soffrono e che sono ferite.
Osa avvicinarle, toccarle. Osa entrare in comunione con loro.

Allora scoprirai dentro di te e dentro di loro una sorgente di vita, dei semi di risurrezione.
È il grande segreto di Gesù e del suo Vangelo.

In ogni persona, non importa se ferita, indurita, autoritaria, crudele,
apparentemente chiusa a Dio e peccatrice,
c’è una sorgente nascosta di acqua viva pronta a zampillare.

Se tu cammini con Gesù su questa strada,
ti condurrà verso il povero, il debole, l’isolato e l’oppresso,
senza paura né disperazione,
senza collera né ribellione,
senza teorie né soluzioni belle pronte,
senza sensi di colpa né sentimenti di impotenza.

Per farti gustare la pace che nasce dalla comunione dei cuori
Gesù ti rivelerà il senso nascosto della sofferenza e delle tenebre
e come la gioia può sgorgare da tutto ciò che è ferito e spezzato.

Ti rivelerà che lui stesso è nascosto nel povero, nel debole e nell’oppresso.
Ti rivelerà che è nascosto anche nel povero, nel debole e nell’oppresso che è in te.
Ti rivelerà come riscoprire, rinnovare ricostruire e ricevere questa comunione d’amore e di fedeltà
che è l’origine e la sorgente di ogni vita, dell’unità e della pace.
Te lo farà scoprire come un seme piccolo, piccolo, capace di crescere per rinnovare il mondo.

Se vuoi, camminiamo insieme su questa strada;
con i nostri fratelli e sorelle che soffrono
in questo mondo diviso camminiamo insieme, con Gesù, nostro fratello prediletto,
per scoprire che è una strada di speranza.

 


Commento al Vangelo di Marco 7,31-37
su: LaParola.it (11 febbraio 2022 – B.V. Maria di Lourdes)
(di Francesca Favero)

In quel tempo, Gesù, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidone, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».

Apertura Centro di Ascolto Caritas

COMUNICATO CARITAS PARROCCHIALE 14 NOVEMBRE 2021

In occasione della 5ª GIORNATA MONDIALE DEI POVERI i volontari della Caritas parrocchiale desiderano in primo luogo ricordare quanto riaffermato con forza da Papa Francesco nel messaggio dedicato a questa giornata:

“I poveri sono segno concreto della presenza di Gesù in mezzo a noi […] E’ necessario che tutti ci lasciamo evangelizzare da loro […] Siamo chiamati a scoprire Cristo in loro, […]ad essere loro amici, ad ascoltarli, a comprenderli […] Quello che lo Spirito mette in moto non è un eccesso di attivismo, ma prima di tutto un’attenzione rivolta all’altro considerandolo come un’unica cosa con se stesso”

Stimolata dalle parole del Papa e dalla lettura della realtà attuale la Caritas parrocchiale è lieta di comunicare che a partire da mercoledì prossimo, 17 novembre, riaprirà il Centro di ascolto parrocchiale, per ricevere le richieste di aiuto da parte di chi desidera assistenza dalla comunità.

Il Centro di ascolto parrocchiale sarà aperto ogni MERCOLEDÌ
presso i locali del circolo ANSPI dalle 15, 30 alle 17,30
e sarà contattabile anche telefonicamente al numero dedicato 342 0468231 

che troverete riportato anche nella locandina dell’atrio
e sul sito internet della parrocchia.

 

Ricordando la raccolta programmata come di consuetudine per l’ultima domenica, il 28 novembre, la Caritas desidera anche fare due richieste specifiche: forniamo ai nostri amici assistiti prodotti per l’igiene personale, in particolare shampoo, bagnoschiuma e dentifrici e permettiamo a loro e ai loro bambini di festeggiare il Natale aggiungendo nel pacco anche dolciumi natalizi.

Chi di voi conoscesse poi la possibilità di procurare panettoni a un prezzo di favore è pregato di contattare i volontari della Caritas per fornire eventuali indicazioni.

Facciamo i compiti assieme?

La caritas parrocchiale

Presentiamo a tutta la comunità parrocchiale lo Statuto della Caritas Parrocchiale del Crocifisso. Si accolgono volentieri osservazioni e suggerimenti per migliorare uno strumento che intende richiamarci ad uno stile evangelico ad ampio raggio.

Statuto della Caritas Parrocchiale del Crocifisso

il Noviziato “Cheimòn” (scout Rimini3) all’opera

UNA CAREZZA AL MONDO.

Domenica 25 ottobre i giovani scout del Noviziato “Cheimòn” del  Rimini3,  dopo aver partecipato insieme alla Messa, si sono dedicati a ripulire il Parco Quagliati in collaborazione col Gruppo “La nuova Era”.

reparto Alastor (Rimini3) in servizio di carità

Una domenica speciale di servizio per gli scout del Reparto Alastor del Rimini3.
Dopo avere partecipato insieme alla Messa sono partiti in bici
per consegnare, a domicilio, alimenti alle famiglie seguite dalla Caritas parrocchiale del Crocifisso.

Mostra del ricamo 24-25 ottobre 2020

Anche quest’anno il nostro Gruppo Ricamo viene a stupirci con le sue creazioni.

La mostra è aperta SABATO 24 ottobre dalle 15,30 alle 19 e DOMENICA 25 ottobre ore 9-12 e 15,30-19.

Nel rispetto della normativa anticontagio

preparazione pacchi caritas per le famiglie

Tutto pronto per la distribuzione di alimenti alle famiglie che ne hanno bisogno. Alcune operatrici della Caritas parrocchiale hanno lavorato tutto il pomeriggio per preparare le quantità da consegnare giovedì 10 settembre.

 

Il Campo Lavoro che unisce

Ci sono tanti modi di unirsi, di definirsi gruppo, di definirsi comunità.

Lo si fa in nome di qualcuno (e Qualcuno), di qualcosa, di un ideale, di un movimento, di un modo di vestirsi o atteggiarsi,…

Sabato e domenica scorsi, 6/7 aprile 2019, sì è svolta la 39a edizione del Campo Lavoro Missionario e il fermento dei gruppi giovanili (e non solo) della nostra parrocchia è sempre tanto per questo evento: dalla piegatura dei sacchi, alla consegna e raccolta per le vie della parrocchia, a finire alla vendita e smistamento nel Campo alle Celle.

“Cambiare noi per cambiare il mondo”, lo slogan evergreen della nostra iniziativa diocesana, unica in Italia per estensione e coinvolgimento. Perché il “Campo-lavoro è un Capo-lavoro”, come ama ripetere il nostro Vescovo. Ed è vero.

Nella mia mente, se dovessi dare un volto a queste due giornate intense di lavoro, sudate e sfacchinate, un’immagine, utilizzerei questa:

Scattata domenica dopo la Messa al campo, questi sono una buona parte dei così detti “giovani del Crocifisso”. A volte, troppo spesso, separati in casa: Scout di qua, AC di là. Non sempre ci sentiamo parte di una Comunità unita in Cristo. E’ stato bello collaborare insieme come Parrocchia, come Chiesa Diocesana, insieme ad amici educatori e capi scout, ragazzi, giovani e adulti di altre Parrocchie, della nostra Zona Pastorale e della nostra Parrocchia. Spero non sia solo un mio pensiero “maturo” ma sia anche un entusiasmo toccato dai ragazzi che abbiamo accompagnato in questa esperienza e dei “colleghi” educatori.

Il servizio unisce. Il Campo Lavoro diventa quindi scuola, tirocinio. E se allora dietro allo spostare degli scatoloni, al mercatino, al caricare sacchi o rottami su un pulmino, all’organizzare una festa o una veglia, all’attenzione di fare due foto per raccontare sui social network la nostra parro, c’è un costruire Comunità che ci ri-unisce in Cristo, avanti!

Spero che lo stesso spirito che vedo io dietro questa foto ci possa accompagnare nelle celebrazioni comunitarie della Settimana Santa, alla Pasqua e magari arrivi fino all’assemblea parrocchiale, in una logica che punti all’unità in Cristo prima ancora della particolarità dei carismi e delle cose “da fare”.

E se una foto innocua di giovani non deve essere un manifesto, lo sia almeno la conclusione di Papa Francesco alla sua esortazione “Christus Vivit” (N°299):

Cari giovani, sarò felice nel vedervi correre più velocemente di chi è lento e timoroso. Correte «attratti da quel Volto tanto amato, che adoriamo nella santa Eucaristia e riconosciamo nella carne del fratello sofferente. Lo Spirito Santo vi spinga in questa corsa in avanti. La Chiesa ha bisogno del vostro slancio, delle vostre intuizioni, della vostra fede. Ne abbiamo bisogno! E quando arriverete dove noi non siamo ancora giunti, abbiate la pazienza di aspettarci»

Filippo Pasquini